Cookie consent

AstroBin saves small pieces of text information (cookies) on your device in order to deliver better content and for statistical purposes. You can disable the usage of cookies by changing the settings of your browser. By browsing AstroBin without changing the browser settings, you grant us permission to store that information on your device.

I agree
Contains: 
10 Hygiea, 





    
        

            Alberto Tomatis

Technical card

Imaging telescope or lens:RC 16''

Imaging camera:FLI-PL6303E

Mount:Astrophisyc GTO 1600

Software:photoshopMaxim DL

Filter:Luminance

Accessory:FLI PDF Focuser

Resolution: 1224x816

Locations: Alto-Observatory - Canino (VT), Canino (VT), Lazio, Italy

Data source: Own remote observatory

Remote source: Non-commercial independent facility

Description

10 Hygiea

Nonostante Igea sia per dimensioni il quarto asteroide della fascia principale
a causa della scarsa albedo della sua superficie e della distanza media dalla Terra, risulta piuttosto debole quando
osservato dal nostro pianeta. All'opposizione non è mai più fioco dell'undicesima magnitudine. e mediamente
raggiunge una magnitudine pari a 10,2 In condizioni particolarmente favorevoli può avvicinarsi alla nona grandezza.
L'asteroide quindi non è mai visibile ad occhio nudo ma può essere osservato con un telescopio di 50 mm di diametro o superiore.

Igea fu scoperto da Annibale De Gasparis il 12 aprile 1849, presso l'Osservatorio di Capodimonte, a Napoli,
come un oggetto tra la nona e la decima magnitudine. L'astronomo, che nel 1847 aveva iniziato a registrare meticolosamente
le stelle fino alla quattordicesima magnitudine presenti in una fascia centrata sull'eclittica e ampia circa 2°,
identificò tra il 1850 e il 1853 altri 7 asteroidi ed altri 2 negli anni sessanta del secolo.

Igea segue un'orbita compresa tra quelle di Marte e Giove, nella porzione esterna della fascia degli asteroidi,
che completa in circa 5 anni e 7 mesi. L'orbita presenta un'inclinazione di 3,8° rispetto al piano
dell'eclittica ed un'eccentricità di 0,113.- valore abbastanza elevato rispetto ad altri grandi asteroidi quali Cerere,
Vesta e 704 Interamnia, ma non rispetto a Pallade.

Igea ruota su sé stesso in modo insolitamente lento, in senso retrogrado, impiegando circa 27 ore e 19 minuti
per completare una rotazione, mentre tra i grandi asteroidi sono più frequenti periodi di rotazione compresi tra le 6 e le 12 ore.

Comments

Author

Alto-Observatory
Alberto Tomatis
License: None (All rights reserved)
320
Like

Histogram

10 Hygiea, 





    
        

            Alberto Tomatis