Cookie consent

AstroBin saves small pieces of text information (cookies) on your device in order to deliver better content and for statistical purposes. You can disable the usage of cookies by changing the settings of your browser. By browsing AstroBin without changing the browser settings, you grant us permission to store that information on your device.

I agree
Contains:  M 62, NGC 6266
Getting plate-solving status, please wait...
M62, 





    
        

            Alberto Tomatis
M62

M62

Technical card

Imaging telescope or lens:Takahashi BRC 250

Imaging camera:SBIG ST-10 XE

Mount:10Micron GM2000 QCI

Guiding telescope or lens:Takahashi BRC 250

Guiding camera:Lodestar

Software:photoshopMaxim DL

Filters:BlueGreenRed

Accessories:FLI PDF FocuserStarworks Off-Axis Guider

Resolution: 1962x1340

Dates:July 8, 2012

Frames:
Blue: 7x300" -15C bin 1x1
Green: 2x300" bin 1x1
Red: 5x300" bin 1x1

Integration: 1.2 hours

Darks: ~11

Flats: ~11

Bias: ~30

Avg. Moon age: 19.73 days

Avg. Moon phase: 74.60%

Bortle Dark-Sky Scale: 3.00

Mean FWHM: 2.30

Temperature: 12.00

Astrometry.net job: 136132

RA center: 255.326 degrees

DEC center: -30.126 degrees

Pixel scale: 1.106 arcsec/pixel

Orientation: 1.581 degrees

Field radius: 0.365 degrees

Locations: Alto-Observatory - Canino (VT), Canino (VT), Lazio, Italy

Description

M62 fu scoperto nel 1771 da Charles Messier ma la sua posizione precisa fu ricavata soltanto nel 1779; John Herschel lo osservò nel 1833 dal Capo di Buona Speranza, alla cui latitudine M62 transita quasi allo zenit, risolvendolo in una miriade di stelle di quindicesima magnitudine.

M62 si trova a una distanza di circa 22.500 anni luce dalla Terra e ha un diametro di 100 anni luce; si trova sul confine tra le costellazioni dell'Ofiuco e dello Scorpione, circa 3° a sud dell’ammasso globulare M19.

È uno degli ammassi globulari più irregolari, ciò è probabilmente dovuto alla sua vicinanza al centro della Galassia (6.100 anni luce circa), il quale lo deforma grazie alle forze mareali; questa forza induce l’area sud-orientale dell’ammasso ad essere più concentrata rispetto alle altre.
Dagli studi condotti a partire dal 1970 si è ricavato che M62 contiene almeno 89 stelle variabili, molte delle quali del tipo RR Lyrae. L’ammasso contiene inoltre un certo numero di sorgenti di raggi X.

Comments

Author

Alto-Observatory
Alberto Tomatis
License: None (All rights reserved)
1170
Like

Sky plot

Sky plot

Histogram

M62, 





    
        

            Alberto Tomatis